Privacy Policy Cookie Policy Finanza Personale e Risparmio | Investimento Custodito

Categoria: Finanza Personale e Risparmio

Come puoi investire con il P2P lending

L’esigenza di denaro, quindi il credito, nasce sin dai tempi in cui si passò dal baratto ad una forma evoluta di economia. Fin dal quattrocento, la banca ricoprì il ruolo di finanziatore e offrì denaro ai prestatori che ne avevano bisogno per i propri progetti famigliari o imprenditoriali. Oggi, con la rivoluzione de P2P Lending si può fare sostanzialmente credito senza essere banca: ma c’è di più, perchè grazie al P2P è possibile anche diversificare il proprio portafoglio d’investimento.

Leggi tutto

E’ ancora il momento di investire in beni rifugio?

La cavalcata dell’oro delle ultime settimane ha riacceso i riflettori sui beni rifugio e sulla loro importanza in un portafoglio d’investimento: chi ci segue sa benissimo che da quando siamo nati abbiamo da sempre invitato l’investitore ad allocare una buona parte del proprio portafoglio in beni rifugio e il modo in cui l’oro ci sta proteggendo e ci sta regalando performances in piena recessione è la conferma delle bontà di quelle scelte.

Con questo articolo facciamo chiarezza sui beni rifugio e se sia ancora oggi conveniente inserirli in portafoglio.

Leggi tutto

Quanto rende veramente il mercato azionario?

Il mercato azionario è il mezzo per trasferire ricchezza dagli impazienti ai pazienti, diceva Warren Buffet. E mai migliore frase fu azzeccata per capire come valutare i rendimenti e i ritorni del mercato azionario. Ma quanto rende veramente investire in azioni?

Proviamo a capirlo con qualche info-grafica e qualche dato.

Leggi tutto

Come funzionano i certificati d’investimento

Per capire più da vicino come funzionano i certificati, oggi parleremo degli Autocallables Certificates, strumenti derivati cartolarizzati emessi principalmente dalle banche e poi garantiti da un Market Maker.

Essi vengono scambiati in un mercato dedicato chiamato SeDex.

Nella pratica sono prodotti costituiti da strategie in opzioni, che permettono all’investitore di beneficiare, in base alle diverse situazioni, di una protezione dai ribassi dell’attività finanziaria sottostante e di un flusso di cedole periodico.

Leggi tutto

BTP Futura: conviene o no?

Lunedì parte il collocamento del Titolo di Stato che dovrebbe permettere al Tesoro di finanziarie parte del suo debito cresciuto a dismisura per far fronte ala crisi Covid: anche questa volta, il lancio dei titoli sarà accompagnato da grandi frastuoni e sollecitazioni all’investimento, ma con ancora molta poca attenzione (come spesso accade) alla reale convenienza in termini rischio/rendimento per il risparmiatore.

Con questo articolo proviamo a capirne le caratteristiche e se al risparmiatore retail possa convenire oppure no.

Leggi tutto

Quando e come ribilanciare il proprio portafoglio?

L’asset allocation di un portafoglio riflette gli obiettivi e la propensione al rischio di un investitore: nel tempo, un portafoglio può assumere esposizioni non coerenti con il rischio e il rendimento obiettivo dell’investitore, oppure si possono creare delle opportunità di mercato da cogliere: questi aspetti possono essere controllati con una strategia di ribilanciamento precisa e definita ex-ante, che possa guidare i comportamenti dell’investitore nel tempo.

Con questo articolo, vogliamo esaminare insieme i vantaggi del ribilanciamento, analizzare l’impatto delle diverse frequenze di riequilibrio ed evidenziare le strategie per ridurre al minimo i costi di riequilibrio.

Leggi tutto

Le borse crollano molto più spesso di quanto tu possa credere

Questo articolo nasce da un dubbio che i nostri parenti meno evoluti finanziariamente (tipo, una zia un po’ vecchiotta) ci hanno inculcato.

Perchè i veri dubbi non ve li pongono gli “esperti” o chi la pensa come voi: i veri dubbi ve li pongono sempre i meno esperti e chi ha una visione del mondo diversa dalla vostra.

Di che dubbi parliamo?
Del fatto che i nostri parenti – sapendo che lavoriamo nel campo della finanza – ad ogni pranzo domenicale insieme ci continuano a ripetere sempre il solito mantra: “eeeh, ho sentito al TG che la borsa è crollata, non è un buon momento per investire, no?

Quindi, ci siamo chiesti, considerato che la borsa americana ha segnato circa il 300% negli ultimi dieci anni e che i nostri clienti realizzano mediamente il 5-5,5% annuo di rendimento, da dove nasce questo bias cognitivo della zia?

Leggi tutto

Una soluzione alternativa alla liquidità sul conto corrente

La liquidità sul conto corrente diventa spesso una necessità (per spese future o per altre circostanze), che però espone il risparmiatore al rischio (specie per patrimoni sopra una certa soglia) bail-in nel caso in cui questa liquidità superi i cento mila euro. Allo stesso tempo, la liquidità sul conto corrente viene spesso accantonata per futuri investimenti o per sfruttare cali periodici del mercato in un’ottica di gestione “dinamica£ del portafoglio.

Se però questa liquidità è consistente (si pensi che per portafogli superiori al mezzo milioni di euro può tranquillamente superare i cento mila euro) espone nuovamente il risparmiatore al rischio bail-in.

Leggi tutto

Come costruire il tuo «Portafoglio Permanente»: guida al nuovo approccio agli investimenti

Il mondo della finanza, a fine anni Novanta, è stato sconvolto da una serie di teorie che si contrapponevano al modo classico di costruire portafogli di investimento, «mescolando» solo azioni e obbligazioni sulla base della teoria di Markowitz e dell’investitore pienamente razionale.

Sicuramente anche tu hai potuto notare come i tuoi investimenti sono sempre stati gestiti dalle banche a cui ti sei affidato secondo questa logica, non trovando mai soddisfazione o riuscendo poche volte a raggiungere i tuoi obiettivi. Cose a cui sei abituato: ciononostante, hanno continuato a gestire i tuoi investimenti con lo stesso approccio di sempre, 60% azioni e 40% obbligazioni, oppure l’inverso, se eri «più avverso la rischio».

In quegli anni si cominciò a capire che il mito dell’investitore razionale era fasullo, che le persone reagiscono alle perdite in modo molto diverso che ai guadagni (Loss avversion), che miscelare solo azioni e bond era limitante e che l’investitore predilige approcciarsi ad un investimento «più dolce» e stabile nel tempo.

Leggi tutto

La regola del «72» per capire come far crescere i tuoi investimenti

Quando la nostra banca ci offre un investimento del 4% netto annuo come possiamo capire se tale investimento sarà conveniente per noi?

Innanzitutto, dobbiamo avere ben chiaro in mente il nostro obiettivo: se è quello di raddoppiare il capitale in 9 anni, il 4% netto offerto dalla Banca non è l’investimento ideale.

Ecco che allora in nostro soccorso arriva la regola del 72. La “regola del 72” è una pratica comune utilizzata nella finanza per stimare rapidamente il numero di anni necessari per raddoppiare una somma di capitale, con un dato tasso d’interesse annuale, oppure per stimare il tasso d’interesse annuale che serve per raddoppiare una somma di denaro in un dato numero di anni.

Leggi tutto