Privacy Policy Cookie Policy Economia e Mercati – Investimento Custodito

Categoria: Economia e Mercati

Meglio seguire Buffett o lo S&P500?

Mister Warren Buffett è diventato famoso nel mondo come il più grande investitore di tutti i tempi anche perché è riuscito a “battere il mercato” per un tempo abbastanza lungo: ciò significa che non solo ha ottenuto rendimenti assurdi dai suoi investimenti, ma lo ha fatto in modo considerevolmente superiore ai rendimenti ottenuti nello stesso periodo dallo S&P500, l’indice azionario americano principale.

Questo significa “battere il mercato”. Alla luce di ciò, considerato che il portafoglio di Buffett è pubblico e che è semplicemente replicabile acquistando le azioni della sua Holding, la Berkshire Hatheway, viene spontaneo domandarsi se non sia questa la strada da seguire per riuscire a ottenere “più rendimenti possibili”.

Leggi tutto

Cos’è successo e cosa succederà dopo la sentenza della Corte Tedesca

Appena uscita la notizia della decisione della Corte Costituzionale tedesca sul programma di acquisti dei titoli di Stato (PSPP) della Bce relativo al QE, è serpeggiata un po’ di confusione.

Cosa aveva detto veramente la Corte? 
Alcuni giornali e politici parlavano di una “sentenza positiva” della Corte, che di fatto salvava il QE; altri, invece, parlavano di una sentenza che minava l’azione della BCE e metteva in pericolo lo stesso QE.

La sentenza della Corte, in effetti, ha stabilito che il QE non finanzia gli Stati e quindi rispetta il divieto del Trattato contro la monetizzazione dei debiti pubblici. Ma il diavolo sta nei dettagli.

Leggi tutto

Petrolio a prezzi negativi: conviene investirci

ll petrolio sta lentamente diventando l’oggetto del desiderio di molti piccoli trader in erba che pensano di aver trovato la via per diventare ricchi con poco: compriamo e speculiamo sull’oro nero che prima o poi dovrà tornare a salire, oppure lasciamo perdere un asset che è destinato a scomparire, se non ad avere un ruolo molto più marginale di quello che ha avuto in passato?

Cerchiamo di capire una cosa subito: i prezzi del petrolio oggi sono diventati negativi perché ai produttori non conviene più la produzione, in quanto i costi di stoccaggio sono superiori ai prezzi di vendita.

Leggi tutto