fbpx Cookie Policy Privacy Policy

E' sempre un buon giorno per investire con noi

Inizia oggi il tuo percorso di investimento al riparo dai conflitti di interesse e dai prodotti inefficienti bancari: Investimento Custodito ti guiderà passo passo nella costruzione della tua personale strategia di investimento, in modo semplice e a bassi costi

Borsa Italiana ha iniziato la sua discesa. E’ il momento di uscire dal mercato azionario?

Borsa Italiana ha iniziato la sua discesa. E’ il momento di uscire dal mercato azionario?

“Caos politico, in due settimane la Borsa brucia il 7%. Spread a quota 206”

 

Cosi titolava Il Sole 24 Ore esattamente due giorni fa.

 

La domanda sorge spontanea per un piccolo investitore che ha in mano qualche azione del listino italiano. Che devo fare? Devo vendere tutto?

 

Domanda da un milione di dollari (o di euro se proprio vogliamo rimanere in tema)

 

Abbiamo assistito nelle ultime due settimane ad una brusca discesa del mercato italiano. La situazione politica nazionale, che più volte abbiamo analizzato nel corso degli ultimi mesi, ha generato quello che tutti gli investitori temono: una perdita di fiducia nei confronti dell’economia italiana.

 

crollo-mercati

 

Questa sfiducia si è traslata automaticamente sul mercato dei capitali, il quale ha assistito inizialmente ad un rialzo dello spread (a quota 206, con un aumento dei rendimenti sui titoli di stato a 10 anni fino al 2,47%) e successivamente ad un brusco storno del mercato azionario. In poche settimane infatti, l’indice FTSE MIB di Borsa Italiana ha ceduto il 7%, dopo che aveva raggiunto all’inizio del mese di maggio i massimi dal 2008, classificandosi come miglior listino europeo dal gennaio 2018.

 

Cattura

In alto vi riportiamo una simulazione che abbiamo effettuato, comparando l’evoluzione di 100€ investiti rispettivamente nel paniere di titoli del FTSE MIB rispetto a allo S&P 500 europeo.

 

Ma che cosa sta succedendo, e soprattutto, che cosa bisogna fare, viene da chiedersi.

Prima di tutto occorre focalizzare l’attenzione su alcune questioni principali:

1) Le perdite a cui stiamo assistendo sul mercato italiano, sono amplificate dalle vendite massicce dovute ad un periodo in cui la maggior parte delle società quotate sul listino di Milano hanno (o si apprestano a farlo) distrubuito i dividendi ai soci. Si sa che in questi casi i titoli cedono quel 4/5% del loro valore;

2) L’indice FTSE MIB di Borsa Italiana è composto per lo più da titoli appartenenti al comparto finanziario, che in questo periodo per i problemi legati al debito sovrano, ai tassi d’interesse e alle dichiarazioni politiche dei nuovi leader politici, sono maggiormente soggetti a speculazione e quindi amplificano l'”effetto gregge” che porta alla spirale delle vendite;

3) C’è un dato di fatto molto importante: il FTSE MIB ha corso tantissimo negli ultimi anni e dopo una corsa così evidente, la storia ci insegna che ci potremmo trovare di fronte ad un periodo di rallentamento.

Ma allora che si fa?

 

La soluzione esiste e si chiama PERMANENT PORTFOLIO

 

exit-strategy

Fonte immagine: diarioditrading.it

 

Chi ci segue da tempo, ricorderà di come abbiamo parlato di questa strategia più volte (si veda un recente articolo qui), e di come questa strategia sia efficace ed idonea a proteggere piccoli e grandi patrimoni da situazioni di instabilità dei mercati. Per questo Investimento Custodito SCF consiglia sempre ai propri clienti di destinare una parte del proprio patrimonio all’attuazione di questa strategia. Chi lo ha già fatto in passato non avrà problemi, in quanto dovrà solo procedere a delle piccole rimodulazioni e a delle exit strategy che prontamente gli verranno consigliate. Per chi invece non è ancora pronto, potrà sempre farlo approfondendo meglio l’argomento cliccando su questo link.

 

Un consiglio: non fatevi spaventare, i mercati sono cosi.

 

A presto

 

Dott. Andrea Delle Foglie

CEO di Investimento Custodito SCF

 

 

Andrea Gabriele

Lascia un commento