In quali azioni investe Warren Buffet?

6-hustles-warren-buffett-used-to-make-53000-by-age-16Chi è Mister Warren Buffet?
E’ il secondo uomo più ricco del mondo, subito dopo il patron di Zara (Ortega) e subito prima di mister Microsoft, Bill Gates.

Che cosa ha fatto di speciale nella vita Warren Buffet per diventare così stramaleddettamente ricco?
Ha ereditato una fortuna?
Ha inventato un nuovo metodo per andare sulla luna?
Ha scoperto l’elisir di lunga vita?

Niente di tutto questo: Buffet ha “soltanto” investito i suoi risparmi in azioni di società quotate in borsa, per molto tempo (circa una cinquantina di anni), usando semplici accorgimenti che potresti imparare anche tu.

Vuoi sapere in cosa ha investito e continua ad investire il mitico Buffet?

Ecco, arrivati a questo punto, e prima di farti vedere (perchè è possibile) in quali azioni investe e ha investito Buffet, ti devo dare un po’ di accorgimenti.

Prima che tu possa fare sciocchezze.

1. Buffet segue quattro principi in croce per investire il suo grande patrimonio (miliardi di dollari, eh, non qualche spicciolo) in azioni: quattro principi semplici da comprendere, veramente tanto semplici, ma mostruosamente difficili da applicare.

Vendere quando tutti comprano e comprare quando tutti vendono è uno di quelli.
“Beh, dai, facile!”
Mettilo in pratica al prossimo mega crollo dei mercati finanziari e poi ne riparliamo.

2. Il metodo di Buffet è, per certi versi, anche il nostro metodo per costruire portafogli azionari: molte aziende (ma non tutte) di quelle che Buffet ha in portafoglio, le inseriamo anche nei nostri portafogli (che costruiamo per i nostri clienti).
Perchè non tutte?
Perchè te lo spiegherò dopo.

3. Se domani vai in banca e chiedi di comprare queste 5 società che ti stiamo per dire, non diventerai ricco nel giro di 8 mesi e 4 giorni: semlicemente perchè l’investimento in azioni necessita di TEMPO, tanto tempo, per dare i suoi frutti.Quanto tempo?
Almeno dieci anni.
Se non venti.

 

Quindi, detto ciò, passiamo a sciorinare le big five che Buffet detiene in portafoglio.

 

1. GILLETTE

bad2b44647d8321cd90f65ef162975a5_400x400

 

Questa compilation non può che partire con il marchio per eccellenza produttore di rasoi.
Perchè?
Semplicemnte perchè, nel motivo per cui Buffet investe da anni (circa trenta) in Gillette, si capisce tanto della sua strategia d’investimento e del suo modus operandi: “fin tanto che milioni e milioni di uomini, ogni mattina, si raderanno, noi continueremo ad investire in Gillette”.

Nessuna teoria finanziaria complessa; nessuna analisi di grafici di borsa incomprensibile.
Solo una valutazione schietta e semplice sul modello di business e sul vantaggio competitivo enorme di Gillette: facciamo rasoi e li facciamo meglio di altri; e fin quando agli uomini crescerà il pelo, noi continueremo a vendere.

Questo significa investire in azioni.

 

2. COCA-COLA

 

1986.
Questa è la data in cui Buffet ha investito nella casa produttrice di soft-drink più famosa al mondo: da lì in avanti, questo investimento ha prodotto per “l’oracolo di Omaha” (la sua città di origine) un bel 1525,1%.

Notevole, no?
Linvestimento in Coca-Cola ci permette di capire altre due cose fondamentali sul processo d’investimento di Buffet, oltre al fatto che, come avrai capito, Warren si concentra su aziende che hanno vantaggi competitivi enormi sui loro concorrenti:

a) innanzitutto, mister Buffett investe per un tempo molto molto lungo, contro qualsiasi fluttuazione o ciclo di mercato (qua stiamo parlando di ben 40 anni!);
b) in secondo luogo, una regola d’oro di Buffett è investire solo in quello che si conosce.

Buffet è azionista di maggioranza di Coca-Cola (e, fatto non secondario, tracanna 4-5 lattine di Coca al giorno) e conosce l’azienda a menadito.

 

3. WELLS FARGO

160908180500-buffet-wells-fargo-780x439

 

Non è raro vedere grandi aziende finanziarie nel portafolgio della Berkshire Hathaway, la società attraverso la quale Buffett compie i suoi investimenti, e Wells Fargo è una di quelle: la banca statunitense è un cavallo di battaglia del nostro investitore, che non fu minimamente abbandonata neanche durante la crisi del 2009.

Come dicevamo?
Una delle regole d’oro era quella di non vendere quando tutti vendono, ma addirittura di comprare?
E quale miglior momento per comprare azioni di banche durante la crisi del 2009, quando il loro prezzo crollò?

Ecco, Warren non si limitò allora a lasciare inalterata la sua partecipazione in Wells Fargo, ma addirittura comprò a prezzi di saldo anche BoFa (Bank of America).
La “scommessa” è andata a buon fine: basti pensare che entrambe le società hanno fruttato a Buffett 1,6 miliardi di dividendi soltanto quest’anno.

Questo particolare mi permette di svelarti un altro segreto di Buffett: concentrati su azioni che staccano grossi dividendi nel tempo, non saranno altro che un ulteriore rendimento per il tuo capitale.

(un altro top player del portafoglio di Mister Buffett è General Motors, che stacca dividendi di quasi il 6%!).

Se poi questi dividendi li reinvesti, non fai altro che mettere il turbo al tasso di crescita del tuo patrimonio.
Ah, Wells Fargo è stabilmente nei portafogli dei nostri clienti.

 

4. HEINZ-KRAFT

001aa0ba5c8512f14c9404

 

Che cosa fa la Kraft?
Le mitiche sottilette, no?
Se io dico sottiletta, ti viene in mente la Kraft, giusto?

Ecco, ancora una volta un’azienda con un vantaggio competitivo enorme, leader mondiale di mercato, diventa preda di Buffet: avrai capito, ora, che alla base degli investimenti di Warren non ci sta l’analisi tecnica, ma lo studio spasmodico delle aziende, dei loro bilanci e dei loro modelli di business, no?

E, ancora, se dico Ketchup, a cosa pensi?
Quel Ketchup che gli americani mettono ovunque (che schifo, direi), che ti viene in mente?
Heinze, no?

Ecco, metti insieme Kraft e Heinze e hai fatto il colosso alimentare (senza concorrenti) che Buffett ha nelle sue mani.
Semplicemente comprando le loro azioni.

E non è finita qui: si vocifera di un terzo matrimonio, con l’olandese Unilivier (più volte fallito in passato) o con la francese Nestlè.
Non sarebbe male per Buffett, no?

 

5. APPLE

aapl

 

Qua ci vogliamo prendere dei meriti che ci spettano, perchè la mitica azienda di Cupertino (non c’è bisogno che ti faccia la presentazione) entrò nei nostri portafogli poco prima che Buffett annunciasse al mondo che si era finalmente convinto a comprare azioni della mela morsicata.

Qua è d’obbligo una precisazione.
Buffett si è mantenuto sempre a distanza dai titoli delle aziende high-tech (quelle del Nasdaq, per intenderci), con la semplice scusante di “non capirne abbastanza del settore”: ricordi cosa ti dicevo prima, che Buffett investe solo in quello che conosce e comprende alla perfezione? Ecco, il settore high-tech non è stato mai un settore a lui congeniale e se n’è sempre mantenuto lontano.

(Questo particolare gli ha permesso, tra l’altro, di rimanere indenne dalla grande bolla dei dot.com del 2000, quando tutti si divertivano ad investire in nuovissime aziende high-tech)

Allora perchè Buffett (e noi) investe in Apple, oggi?
Perchè Apple oggi non è più definibile come un’azienda hig-tech: Apple oggi è diventata un produttore di massa, che vende prodotti ovunque e per tutti, molto più simile a General Motors o Gillette che, per esempio, a Netflix.

Ecco spiegato il mutamento di genere dell’azienda di Cupertino.
Noi iniziammo a consigliare Apple a fine estate 2016, mentre Buffett annuncia al mondo di averne acquistato le azioni nel febbraio 2017: quest’investimento, in meno di un anno, ci ha generato un onesto 25% (con picchi del 30-33%).

 

Dunque, siamo arrivati alla fine del discorso.
Come hai ben visto, le aziende in cui investe Buffett non hanno niente di speciale, non sono “introvabili” ne irraggiungibili; non hai bisogno di conoscere complesse teorie economiche per scovarle, ne di essere un lupo della finanza.

E come hai potuto ben vedere, molte aziende in cui Buffett investe finiscono di diritto nei portaofogli che noi costruiamo per i nostri clienti: perchè, allora – ci potresti domandare – non ci limitiamo a copiare il portafoglio di Buffett?

Ti do un po’ di ragioni:

a) tu, e i nostri clienti, non siete Warren Buffett, e alcuni suoi investimenti hanno una ragione che non può avere un piccolo riparmiatore come te (piccolo si intende per portafogli sotto i 5 milioni di euro, eh!)

b) Buffet investe in America, noi in Italia: noi ci concentriamo tanto sulle mid and small caps italiane – vere bombe a mano – che per ovvie ragioni non saranno mai attenzionate da mister Buffett.

c) alcuni investimenti che compie Buffett hanno degli orizzonti temporali lunghissimi che, purtroppo, un risparmiatore (e non un magnate con 10 miliardi di portafoglio) non può sopportare: Buffet ha la forza di reggere due anni di crollo dei mercati (perchè sufficientemente “liquido”), tu purtroppo no.

“Il mercato può rimanere irrazionale molto più di quanto tu possa rimanere liquido”, diceva Keynes: Buffett può sopportare dieci anni di magra sui mercati, tu a mala pena sei mesi.
Problema per niente marginale, questo.
Questi i motivi per cui la strategia d’investimento che seguiamo è molto simile a quella seguita da Buffett, ma i portafogli azionari non sono gli stessi.

Arrivati a questo punto, come avrai capito, uno dei modi in cui investiamo il patrimonio dei nostri clienti è proprio in azioni (sempre sotto specifiche condizioni).

Se vuoi saperne di più, se vuoi sapere se rientri nel target di cliente che può usufruire di questo servizio (serve disciplina, me sopratutto, tanti soldi!), non ti basta che contattarci su:

>>> investimentocustodito@gmail.com

 

Ti daremo tutte le informazioni di cui avrai bisogno.

A presto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...